[ home page l english l italiano]    

Archivio Crispolti Arte Contemporanea Archivio Crispolti Biblioteca Fondo Francesco di Cocco Vetrine
INFO
Enrico Crispolti
Manuela Crescentini
Livia Crispolti
Info
Link utili
Newsletter
 
Cerca nel sito
 
Visitatore numero
 []
ARTE DEL FILO Franca Sonnino
a cura di Livia Crispolti testo di Mirella Bentivoglio
<i>Come il filo costruisce l’immagine</i>, filo di ferro e filo di cotone
Come il filo costruisce l’immagine, filo di ferro e filo di cotone
La Vetrina Ripetta 133 inaugura la sezione “Arte del filo” a cura di Livia Crispolti.
“Arte del filo” si propone di documentare l’attuale stato dell’arte tessile e della Fiber Art in Italia.
In quest’ambito espone dal 19 maggio al 31 luglio 2008 l’opera dell’artista tessile Franca Sonnino.

Testo di Mirella Bentivoglio

Le misure sono fondamentali nel nostro lavoro. Un lavoro di natura semiologica, ossia un lavoro in cui tutto assume valore di "segno": la materia, il colore, il formato, la dimensione.Vi sono artisti e artiste che non hanno capito la propria misura; hanno tradito opere per loro natura grandi, rendendole maneggevoli; o viceversa, hanno diluito la magia di opere che richiedevano, per il loro intrinseco carat-tere, una misura intima; e cosí le hanno rese incomprensibili.
Franca Sonnino é un' artista che sente lo spazio, e pur usando un medium minuto come il filo, "fa largo". Questa artista riscatta la domesticitá del filo nell'ampiezza del contesto in cui lo inserisce; ha fatto mattoni di filo, e muri di questi mattoni, quasi a sfida di un'assenza millenaria della donna - la tes-sitrice - dalla costruzione della casa, che fu la sua prigione e il suo regno.
Le prime opere tessili pseudopittoriche di Franca Sonnino furono subito grandi; ricordo che usava ferri da calza grossi come bastoni; assolutamente comici a vederli, eppure appropriatissimi per quel filo sot-tile che circondava, come un segno grafico, delle smagliature simili a veri e propri dripping d'aria. Le prime pagine che costruí erano alti pannelli tessili appoggiati a terra, collocati in una successione che mescolava i colori nella trasparenza. Qualcosa come un divisionismo spaziale, ottenuto col filo. Portavano nell'aria i colori del mare, al quale era dedicato il lavoro. Come Franca ha capito, il mare ha una natura tessile, per le correnti che lo attraversano da sotto, e i venti che lo muovono dall'alto. Quando si é dedicata al libro tessile vero e proprio, ossia formato da pagine insieme legate, lo ha fatto grande, un invito leggero ma imperioso al gesto circolare del braccio che, tutto intero, sfoglia.
E poi cessando di dilatare il libro ne ha dilatato il contesto, moltiplicando libri di misura normale. Erano libre-rie senza scaffali. Scheletri di libri chiusi, svuotati, grafie oggettuali, meri profili di filo nero allineati, appe-si al muro come quadri. Ed era questa giá una libro-installazione; ció avveniva nell'83, quando non esi-steva alcuna teorizzazione su questo tipo di espressioni, e, soprattutto, non esistevano modelli. Insomma Franca Sonnino ha da sempre capito la propria dimensione e le é rimasta fedele. Ha invaso lo spazio ambientale anche con i suoi leggii di filo senza spartiti: un'intera orchestra disertata, con quel gioco di triangoli che era vera e propria musica visiva.
Intanto i suoi libri alla parete si sono sbiancati: in questa fase somigliavano a librerie di ossa, e la trac-cia della loro esile presenza veniva disegnata dall'ombra. Poi sono "caduti" al suolo. Hanno assunto il colore della terra e del fango, e le macchie dolorose (captanti, suggestivamente pittoriche) dell' allu-vione. É questa la piú recente libro-installazione di Franca Sonnino, e la piú intensa; occupa un intero ambiente, in un certo senso impedisce il passaggio, obbligando alla sosta, alla riflessione. Qui piú che mai la misura del contesto spaziale appare determinante.
Morbidi al tatto, sfogliabili, non piú vuoti, gonfi, ripiegati sotto l'onda immaginaria di una catastrofe eco-logica, questi reperti ci dicono qualcosa di molto attuale. Possiamo leggervi recenti esperienze pubbli-che di profanazione del privato; anche perché non hanno piú pareti a cui aggrapparsi. Possiamo sen-tirvi la cultura calpestata, o il richiamo della terra, per una macerazione fertilizzante; forse l'auspicio di un ritorno, in forma diversa, della comunicazione tra esseri umani. Ma certo denotano una fine; sia pure in modo tenero, sommesso. Forse la fine di una strumentazione intima della comunicazione. La fine del libro, travolto dalla tecnologia.

Tratto da: La forma del vuoto, Roma Complesso del Vittoriano 1 luglio - 17 luglio 2002.

Note biografiche di Franca Sonnino da: La forma del vuoto, Roma Complesso del Vittoriano 1 luglio - 17 luglio 2002.
allegato scansionato


www.francasonnino.it



19/5/2008

catalogo Complesso del Vittoriano, Roma 2005
catalogo Complesso del Vittoriano, Roma 2005

catalogo Galleria Giulia, Roma 1999
catalogo Galleria Giulia, Roma 1999

catalogo Galleria Cinque-Cinquantacinque, Roma 1994
catalogo Galleria Cinque-Cinquantacinque, Roma 1994

particolare
particolare

particolare
particolare

particolare
particolare

E. Catamo, F. Sonnino, S. Cardinali, M. Crescentini
E. Catamo, F. Sonnino, S. Cardinali, M. Crescentini